terremoto_centro_italia_soccorsi_pubbliche_assistenze_empoli_2016_08_25_1

Terremoto, a Rieti arrivano le Pubbliche Assistenze

Le Pubbliche Assistenze di Empoli si trovano da questa notte nelle aree colpite dal terremoto per portare aiuto alla popolazione. La squadra è composta da sei volontari a bordo di due mezzi, che si è inserita ieri sera nella colonna mobile della Regione Toscana insieme ad altre associazioni di volontariato della rete regionale. Attualmente, le squadre di volontariato toscane si trovano a Rieti in attesa che la strada diretta ad Amatrice sia sgomberata e la viabilità sbloccata dall’ingorgo di mezzi di soccorso accorsi verso il centro Italia. La viabilità potrebbe essere liberata nelle prossime ore permettendo così alle squadre volontarie di intervenire e allestire nuove tendopoli. “Ora non ci sono le condizioni viarie per far salire i mezzi delle decine di volontari accorsi da ogni parte d’Italia – spiega Marco Bacchi delle Pubbliche Assistenze di Empoli – Anpas Toscana è presente con circa 50 associazioni e altre son in arrivo per unirsi a noi” “I volontari sono in attesa di entrare in azione e rendersi utile ai paesi colpiti dal terremoto – continua Bacchi – So di molte persone da Empoli che fremono per unirsi ai soccorsi e portare il proprio aiuto. Tuttavia, al momento, è sconsigliabile: la viabilità è già otturata da mezzi e squadre di soccorso presenti che riescono a spostarsi con grande difficoltà”. I volontari delle Pubbliche Assistenze di Empoli presenti nelle aree terremotate sono: Francesco Bonistalli, Chiara Del Pasqua, Chiara Venturi, Gabriele Marzi, Simone Macchi, Marco Bacchi.

terremoto_centro_italia_soccorsi_pubbliche_assistenze_empoli_2016_08_25_1 terremoto_centro_italia_soccorsi_pubbliche_assistenze_empoli_2016_08_25_2 terremoto_centro_italia_soccorsi_pubbliche_assistenze_empoli_2016_08_25_3 terremoto_centro_italia_soccorsi_pubbliche_assistenze_empoli_2016_08_25_4

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2016/08/25/terremoto-rieti-arrivano-le-pubbliche-assistenze/
Copyright © gonews.it