binario donna corazzano

A Corazzano ultima iniziativa a favore di Binario Donna

corazzano binario

Si è tenuto Sabato 3 Marzo presso il Circolo Arci a Corazzano, nel comune di San Miniato, l’ultimo evento, anch’esso molto partecipato, dedicato alla campagna di crowdfunding Binario Donna delle Pubbliche Assistenze Riunite e della Fondazione Il Cuore si Scioglie, con la finalità di aprire un centro di ascolto e prima accoglienza per le donne vittime di violenza, gestito dal Centro Aiuto Donna Lilith, presso la stazione ferroviaria di Castelfiorentino, dove da pochi giorni ha aperto una nuova sede dell’associazione. Valerio Fogli, a Corazzano, ha presentato il suo libro Il Campo del Gelso Moro davanti ad oltre 100 persone. Tutto il ricavato è andato a sostegno del progetto Binario Donna. La serata è stata organizzata in collaborazione con il Club Letterario Greenblue, che già da qualche tempo porta avanti l’Aperitivo Letterario presso il bar delle Pubbliche Assistenze Riunite il secondo Sabato di ogni mese. Del resto, Fogli, non è nuovo a destinare spesso e volentieri ad iniziative benefiche il ricavato dei suoi libri. E Il Campo del Gelso Moro, che ha come protagonista una donna e i suoi trascorsi, a volte tragici, nel periodo del ventennio fascista, non poteva che sostenere un progetto che si ripropone proprio di aiutare le donne in difficoltà. La raccolta fondi sul portale Eppela Binario Donna si conclude il 4 Marzo. L’obiettivo di diecimila euro che l’associazione si era posta per far funzionare lo sportello è stato anche ampiamente superato, grazie alla generosità delle persone che hanno effettuato delle donazioni e alle tante iniziative portate avanti dall’associazione, che hanno coinvolto, in questi quaranta giorni, tanta parte del nostro territorio. Una raccolta che vedrà il suo coronamento l’8 Marzo, per la Festa della Donna, quando lo sportello di ascolto e prima accoglienza a Castelfiorentino sarà inaugurato. Uno sportello al quale le donne potranno rivolgersi anche solo per informazioni, gestito da psicologhe e professioniste, che garantirà l’anonimato e la discrezione, poiché si trova in una zona di passaggio come una stazione ferroviaria.