6d45207e-e49d-4cd1-b61c-a7baf6fd3b11

La solidarietà del Circolo Arci Pozzale

2ef838b7-c205-40c0-aa31-86711105b0d4

Nella fase di ripartenza, mentre l’emergenza sanitaria dettata dal Covid sta lentamente abbandonando il nostro paese, la solidarietà empolese resta più viva che mai.

È il caso del Circolo Arci Pozzale, che ha deciso di continuare a destinare una parte del ricavato delle attività che sta svolgendo, e che sono in parte ripartite, alle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli. I circoli Arci, infatti, nell’impossibilità attuale di fare delle cene sociali a sostegno di progetti solidali, stanno portando avanti iniziative di solidarietà in collaborazione con le associazioni. Per il Circolo Pozzale la scelta naturale è stata quella di sostenere le Pubbliche Assistenze Riunite, per il rapporto di lunga data che lega questa due realtà da tanti anni. Il ricavato andrà a sostenere i progetti rivolti a chi è in stato di bisogno e alle famiglie in difficoltà, che con la crisi innescata dal Covid sono cresciute e stanno crescendo, per l’acquisto e la consegna di pacchi alimentari e beni di prima necessità.

Alle Pubbliche Assistenze Riunite ci lega un rapporto che va avanti da moltissimi anni e ci siamo sempre aiutati a vicenda” è il commento della presidente del Circolo Arci Pozzale Simona Biancalani “pertanto ci è sembrato naturale destinare una parte del lavoro dei nostri volontari all’associazione, per portare avanti progetti e iniziative rivolte alle famiglie in difficoltà. Continueremo, come stiamo facendo, nel nostro piccolo, a dare una mano a chi aiuta veramente gli altri, perché rientra appieno nello spirito dell’Arci e del nostro Circolo”.

Ringraziamo il Circolo Arci Pozzale, importante punto di riferimento territoriale per noi da sempre, per questo supporto” ha commentato la presidente delle Pubbliche Assistenze Riunite Eleonora Gallerini “Ad unirci è lo spirito del volontariato e del sostegno a chi ha più bisogno di aiuto e soprattutto in questo periodo, questo genere di sinergie saranno importantissime per la tenuta sociale del territorio”.