PROGETTO ALTRIMENTI PARI, intervista alle psicologhe di Lilith, Chiara Guidi e Federica Pierini

18010364_1490989397587213_2070263051720146688_n

Sensibilizzare i ragazzi delle scuole elementari e medie e formarli contro gli stereotipi di genere.
E’ questo l’obiettivo del progetto AltriMenti Pari, realizzato dal Centro Antiviolenza Lilith delle Pubbliche Assistenze Riunite, grazie ad un bando indetto dalla Città Metropolitana di Firenze. Nel progetto, portato avanti dalle psicologhe e dalle psicoterapeute del Centro, sono stati coinvolti l’Istituto Comprensivo di Castelfiorentino e quello di Sovigliana.
I quattro incontri con i ragazzi, avevano come tematiche: il contrasto agli stereotipi, l’educazione al rispetto di genere, la promozione delle pari opportunità. Infine il progetto ha previsto l’elaborazione da parte degli studenti, suddivisi in gruppi, di una storia a fumetti sull’argomento, che consentisse ai ragazzi di dimostrare quanto avessero effettivamente interiorizzato le tematiche trattate.
Uno degli obiettivi principali, infatti, era proprio quello di sviluppare un pensiero critico nei più giovani, in modo da fare loro incontrare temi così importanti e attuali fin da bambini, pur utilizzando linguaggi e temi adatti alla loro età. Preliminarmente al lavoro con gli studenti, si sono tenuti degli incontri con genitori e docenti, con il fine di presentare loro il progetto che le specialiste avrebbero svolto. Le risposte, sia da parte dei ragazzi, che dei genitori e del corpo docente, sono state tutte molto positive.
Nelle prossime settimane, in data ancora da stabilire, si terrà un incontro conclusivo del progetto, in cui verranno presentati i lavori elaborati dagli studenti e saranno consegnati degli attestati a coloro che hanno partecipato. Nella speranza di poter continuare a spargere il più possibile tra i più giovani, la cultura della lotta agli stereotipi di genere, stimolando sull’argomento la loro curiosità e sensibilità.