Distanti ma uniti nella lotta al diabete infantile: continua il progetto Valery in Bielorussia

Tra le conseguenze della pandemia, una delle più difficili da affrontare è la distanza. Il Covid-19 ha contribuito spesso ad allontanare le persone, non solo a causa di quarantene e lockdown, ma ha inoltre reso difficili gli spostamenti nel mondo. Nonostante questo la lontananza non scalfisce il rapporto tra le Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli e Castelfiorentino e l’associazione dei bambini diabetici di Gomel, in Bielorussia.

Proprio intorno ai giorni del Natale Ortodosso, festeggiato il 7 gennaio, è arrivata una lettera alla sede empolese di Anpas. “Sono tempi difficili e il numero delle persone bisognose aumenta, ma c’è chi dall’Italia si prende cura dei nostri bambini, come se fossero loro figli”. Queste alcune delle parole riportate nella lettera scritta dall’associazione, che si occupa di combattere, prevenire e diagnosticare il diabete nei più piccoli. Le Pubbliche Assistenze Riunite portano avanti da molti anni il progetto Valery, con il quale viene supportato l’arrivo di materiale diagnostico per il diabete, patologia purtroppo diffusa tra bambini e adolescenti nell’est Europa. Anche quest’anno il progetto promosso da Empoli, ha consentito all’associazione di Gomel l’acquisto di strisce per la misurazione della glicemia.

“Il numero dei bambini che si ammalano di diabete sta crescendo – racconta nella lettera la presidente dell’associazione Raissa Grinevetskaya, che si occupa di circa 490 bambini e adolescenti diabetici – speriamo che il progetto Valery prosegua e che nonostante la pandemia resteremo uniti. La nostra amicizia sarà sempre più forte”.

“La distanza e l’impossibilità momentanea di raggiungere Gomel non allontanerà mai le Pubbliche Assistenze Riunite dall’associazione dei bambini diabetici” afferma Eleonora Gallerini, presidente delle Pubbliche Assistenze di Empoli e Castelfiorentino, in risposta agli amici della Bielorussia. “Prima della pandemia con il progetto Valery portavamo avanti anche viaggi, ospitando i bambini qua a Empoli. Adesso queste esperienze si sono dovute interrompere e, anche se da lontano, il progetto prosegue supportando economicamente il materiale diagnostico per il diabete”. Un aspetto da sempre fondamentale, quello della cooperazione internazionale, per le Pubbliche Assistenze Riunite: “Appena sarà possibile e potremo lasciarci alle spalle definitivamente il Covid-19, aspettiamo i bambini e i ragazzi dell’associazione per accoglierli nuovamente nei nostri spazi. Visite, scuola e divertimento li aspettano sempre a Empoli. Nel frattempo – conclude Gallerini – ringraziamo per i saluti giunti da Gomel facendo tutto il possibile per abbattere i km che ci separano”.

A Gomel l’associazione dei bambini diabetici rappresenta una realtà importante, che organizza molti eventi ogni mese dedicati ai piccoli con questa patologia. Molte le aziende bielorusse che la supportano con donazioni, cure mediche ma anche utili accessori scolastici e giochi, per regalare un sorriso. Per queste feste appena trascorse i bambini più piccoli hanno incontrato anche Babbo Natale, al Centro diabetici, salutando in mezzo alla festa anche le Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli e Castelfiorentino.